Speciale Natale 2018

Prodotti e Cestistica Natalizia

Cestistica 2018

Clicca sul bottone qui sotto e scarica il Catalogo dei Prodotti e Cestistica Natalizia 2018.
Per effettuare il tuo ordinativo o per avere maggiori informazioni in merito, invia una e-mail all'indirizzo: ordini@tradizionevoluzione.com o utilizza i nostri moduli di contatto, un nostro responsabile commerciale si preoccuperà di ricontattarti.
Clicca sul bottone e Scarica il catalogo completo in PDF



Scarica
Clicca sul bottone e guarda il video di presentazione della nostra scatola regalo



Guarda presentazione

Dolci Natalizi 2018


Articolo 162

Mostaccioli al cioccolato

Secondo la tradizione, il mostacciolo veniva donato agli ospiti al momento del congedo, come ultimo segno di attenzione ed ospitalità nei loro confronti. Dolce tipico natalizio pugliese, il mostacciolo è di forma irregolare e di colore marrone scuro, ricoperto di glassa al cioccolato.


Formati e confezioni disponibili:


Articolo 166

Mostaccioli al vincotto

La parola, con derivazione latina, sta ad indicare una focaccia dolce. Secondo la tradizione, il mostacciolo veniva donato agli ospiti al momento del congedo, come ultimo segno di attenzione ed ospitalità nei loro confronti. Dolce tipico natalizio pugliese, il mostacciolo è di forma irregolare e di colore marrone scuro.


Formati e confezioni disponibili:


Articolo 163

Cartellate Mandorle e Miele

Le cartellate, tipico dolce originario della Puglia, viene preparato durante il periodo natalizio e nella tradizione cristiana, sta a rappresentare l’aureola e le fasce che avvolgono il Bambino Gesù nella culla. Sono fatte di sottili sfoglie di pasta, ottenute con farina e vino bianco, ed avvolte su sé stesse, fino ad ottenere una rosa, che viene successivamente fritta in olio. Dopo di che, le aureole ottenute, vengono immerse nel miele, per poi essere ricoperte di zucchero a velo e mandorle.


Formati e confezioni disponibili:


Articolo 164

Cartellate Mandorle e Vincotto

Le cartellate, tipico dolce originario della Puglia, viene preparato durante il periodo natalizio e nella tradizione cristiana, sta a rappresentare l’aureola e le fasce che avvolgono il Bambino Gesù nella culla. Sono fatte di sottili sfoglie di pasta, ottenute con farina e vino bianco, ed avvolte su sé stesse, fino ad ottenere una rosa, che viene successivamente fritta in olio. Dopo di che, le aureole ottenute, vengono immerse nel vin cotto tiepido, che consiste nella cottura del mosto proveniente dall’uva pugliese, per poi essere ricoperte di mandorle.


Formati e confezioni disponibili:


Articolo 165

Pizza sette sfoglie

La pizza sette sfoglie è un dolce natalizio tipico della tradizione di Cerignola, composta, per l’appunto, da sette strati di sfoglie di pasta, ottenute con farina, vino e olio d’oliva, mandorle e cioccolato. La tradizione racconta che, in occasione della Festa di Ognissanti, le donne preparassero un dolce pensato con ciò che si aveva a disposizione nelle proprie case e che potesse durare fino al periodo natalizio. Da qui la creazione della suddetta pizza dolce. Tale dolce, tramandato per generazioni e che compare in alcuni testi storici locali dell’autore Luciano Antonellis già a partire del 1964, è stato riconosciuto ed inserito dal GAL “Piana del Tavoliere” e dall’associazione “Le antiche Tradizioni Cerignolane nell’elenco Nazionale dei prodotti Agroalimentari Tradizionali (P.A.T).


Formati e confezioni disponibili:


Panettone Tradizionale


Formati e confezioni disponibili: Cartone da 3 pezzi - Formato 1 Kg


Panettone al Cioccolato


Formati e confezioni disponibili: Cartone da 3 pezzi - Formato 850 g


Articolo 208

Mosto Cotto - Nettare Divino

Descrizione: Il mosto cotto, detto anche miele d’uva, è un nettare dolcissimo che si ricava dalla lunga bollitura del mosto d’uva, protratta anche per 16 ore, a fiamma bassa e in paioli di rame.
Tradizionalmente il mosto cotto viene impiegato nella realizzazione dei dolci tipici delle feste natalizie, ma sappiamo che questo nettare d’uva veniva utilizzato già ai tempi dei romani come insaporitore su carni e altre pietanze.

Formati e confezioni disponibili: Cartone da 6 bottiglie - Formato 700 cl


Articolo 208

Cotto di Fichi

Descrizione: In questa variante, il cotto di fichi risulta essere ancora più gustoso mantenendo un sapore dolce che lo rende perfetto per insaporire dolci o da bere da solo. Molteplici sono le proprietà benifiche associate al cotto di fichi: Oltre al ricco contenuto di antiossidanti che hanno già tanti benefici, il cotto di fichi sembra essere un vero e proprio elisir di giovinezza. E' conosciuto anche come metodo della nonna per curare i sintomi influenzali: Si usava infatti berne una bella tazza calda accompganata da buone caldarroste....sembra di sentirne già il profumo!!!
Tradizionalmente il cotto di fichi viene impiegato nella realizzazione dei dolci tipici delle feste natalizie, ma sappiamo che questo nettare veniva utilizzato già ai tempi dei romani come insaporitore su carni e altre pietanze.

Formati e confezioni disponibili: Cartone da 6 bottiglie - Formato 750 ml